La lotta che ci aspetta nella profezia di padre Lanzetta

Rileggere oggi la “profezia” di lotta contro un male inaudito scritta da p. Serafino Lanzetta F.I. nel suo ultimo libro lascia esterrefatti, considerando il forzato esilio a cui il giovane e meritevole teologo è stato recentemente costretto. Il nemico è pronto a negare l’evidenza più oggettiva (l’essere uomo o donna), né sarà più consentito osare avanzare opposizioni. Ci troviamo di fronte a una lotta impari, ma dobbiamo affrontarla, grazie al sostegno che ci viene dal nostro Re, che ci chiama anche oggi a dare testimonianza. Ma ascoltiamo con attenzione le parole di p. Lanzetta:

Siamo di fronte a un’utopia ancora più viscerale di quella perseguita dai tanti regimi che abbiamo lasciato alle nostre spalle e che hanno seminato solo morte e distruzione e hanno generato un mondo ancora più povero. Che mondo potrà nascere ora, dal momento in cui ogni valore dell’uomo è rovesciato nel suo contrario, è cioè annichilito? Non siamo di fronte a un male ancora più assurdo, e per questo più perfido e devastante?

Non si conteranno i morti. Le morti saranno in nome di una battaglia senza senso. Prepariamoci ai nuovi gulag dello sterminio delle volontà che faranno resistenza al mito del cambiamento globale della verità della persona, mediante il rovesciamento di ogni certezza e di ogni evidenza. Prepariamoci a essere perseguitati perché attaccati a un modello umano troppo radicato nella fissità della natura. Prepariamoci al martirio perché non vogliamo accettare la nuova legge sullo stravolgimento dell’uomo, il quale diventa sempre più donna e una donna che diventa sempre più uomo: ci diranno che l’uomo deve diventare donna e viceversa. Chi si opporrà ne pagherà le conseguenze amaramente.

( Serafino Lanzetta, Avrò cura di te, p. 28)

Sancte Michael Archangele, defende nos in proelio; contra nequitiam et insidias diaboli esto praesidium. Imperet illi Deus, supplices deprecamur, tuque, Princeps militiae caelestis, Satanam aliosque spiritos malignos, qui ad perditionem animarum pervagantur in mundo, divina virtute in infernum detrude. Amen.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Apologetica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...