Te lucis ante terminum

Te lucis ante terminum,

rerum Creator, poscimus,

ut solita clementia

sis praesul ad custodiam.

Te corda nostra somnient,

te per soporem sentiant

tuamque semper gloriam

vicina luce concinant.

Vitam salubrem tribue,

nostro calorem refice,

taetram noctis caliginem

claritas tua illuminet.

Prayer-at-Sunset

Questo inno anonimo, breve ma estremamente efficace nella sua semplicità e bellezza, è datato solitamente tra V e VI secolo. Coincide nella prima strofa, salvo una variante al v. 3, con il celeberrimo breve inno recitato a Compieta (ovviamente, a partire dal CVII, in traduzione), mentre le strofe 2 e 3 sono attestate anche in Cesario di Arles. Risalta con evidenza l’insistenza sulle immagini di luce, tanto frequenti nell’innografia e tanto artisticamente variate, soprattutto nella contrapposizione con le tenebre che minacciano costantemente l’uomo. La richiesta di protezione durante la notte possiede una speciale dolcezza, che nasce dalla consapevolezza – frutto della Fede – della protezione di Dio per i suoi figli (solita clementia). La notte del componimento è sì quella contingente che si appressa all’orante, ma è anche per estensione un’immagine delle difficoltà della vita nelle quali, privato di guida e di riferimento, l’uomo senz’altro si smarrirebbe. Il fedele è certo del ruolo fondamentale di Dio, ribadito anche retoricamente dall’incalzante anafora del pronome te e dall’uso dell’aggettivo tuus: solo Dio può donare sonni sereni e vita sana e giusta, solo a Lui si addice l’onore e la gloria.

Prima del termine della luce te,

Creatore di ogni cosa, preghiamo,

affinché la tua consueta misericordia

sia preposta alla nostra custodia.

Te i nostri cuori sognino,

te durante il sonno percepiscano

e sempre la tua gloria

facciano risuonare quando la luce s’avvicina.

Concedi una vita salutare,

rianima il nostro calore,

la tua lucentezza illumini

la tetra caligine della notte.

( – traduzione di Catto Maior – )

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Letteraria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Te lucis ante terminum

  1. Pingback: L’inno Consors paterni luminis | Catto Maior

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...